RockandFiocc a Istanbul

Eccoci qua con la rubrica RockandFiocc around the World! Questa volta, capitolo Istanbul.
Sarà il primo di due post, ho troppe foto da pubblicare.
Per oggi solo capitoli moschee, animali e il mio hotel
Dunque, Istanbul come sapete sta in Turchia. Ex Costantinopoli, e’ una città enorme, ci sono quasi 13 milioni di abitanti, piena di moschee, di gatti e di noccioline. La città si affaccia sul Bosforo, dunque è obbligatorio passare sul fiume per andare da una parte all’altra della città. Una settimana fa c’erano 10 gradi, si stava bene.

Io alloggiavo in un quartiere dove sono situate le moschee più grandi e importanti, dunque ovunque mi giravo ce n’era una.

gli uomini si lavano braccia e gambe prima di entrare

Le moschee all’interno sono veramente suggestive. I turisti possono entrare ma solo fino a un certo punto, e le donne che pregano sono costrette a stare dietro grate speciali. Ci si toglie le scarpe, si indossa un velo per coprire i capelli, e si ascolta il sacerdote che canta una strana litania. Gli uomini si inginocchiano e si rialzano varie volte.
C’è sempre una moquette colorata per terra, che riprende il motivo sulla cupola. Tutte le pareti sono dipinte con motivi bellissimi, e c’è sempre un grande lampadario al centro della sala.
Passiamo all’argomento… animali:
Le vie di Istanbul sono piene di gatti. Ci sono gatti ovunque…
… persino in vetrina!
Nel mio hotel poi si verificava un fenomeno strano: in una fontana all’ingresso, le tartarughe amavano stare una sopra l’altra. Nessuno ha capito perchè.

ma proprio a formare delle torri di tartarughe! Tutto questo a velocità ridottissima, ovviamente.

In città c’è anche il mercato degli animali, dove si vendono uccellini…

cani…

… e sanguisughe!! La gente le compra, la mette in una bottiglietta di plastica e se ne va. !!

Ci sono poi i coniglietti estrai-bigliettini della fortuna 🙂

L’hotel in cui stavo era molto bello, ve lo consiglio caldamente (Armada hotel).

(qui mio fratello prova il lustrascarpe)

ecco la mia unica foto di outfit della vacanza 🙂 vi farò un post sulla mia valigia per quando viaggio, non si possono certo costruire outfit posts! Il tutto si riduce a maglioni neri, magliette a righe, pantaloni neri e All Stars

gabbie con uccellini

la splendida vista sulla terrazza

prossimo capitolo: moda turca, cibo turco e giretto in città!
13/12/2010

Tags: ,

13 pensieri su “RockandFiocc a Istanbul

  1. Mi domandavo giusto cosa stessero facendo quegli uomini, e le donne?
    carino tuo fratello e il tuo outfit da vancaza!:)
    Sei una blogger che seguo davvero volentieri, metti curiosità, felicità e anche riflessione.

  2. Io andrò ad Istanbul a marzo, non vedo l’ora!
    E’ tra le città che più mi attirano in assoluto!
    Purtroppo però starò per poco.. sicuramente 3 giorni non basteranno, ma almeno è un inizio!

  3. Adoro Istanbul! Ci sono stata 3 volte ma molti anni fa e vorrei tanto tornarci perche’ mi hanno detto che e’ cambiata moltissimo negli ultimi anni!
    Il cibo turco e’ favoloso, non vedo l’ora di sapere cosa hai mangiato!
    Io quando viaggio in paesi caldi ed esotici porto solo vestitini, ciabattine e pantaloni da fricchettona, invece quando viaggio in Europa mi impegno un po’ di piu’ a fare la valigia e cerco di portare con me cose carine.
    Che dolci le tartarughine che fanno la piramide!
    Aspetto con ansia il prossimo post!

  4. bellissime foto e città fantastica!io ho sato un esame all’università su l’impero bizantino e mi sono innamorata della stori a della città…sono curiosa di vedere il secondo post!non ti ho mai scritto e quindi voglio farti anche i complimenti per il blog, è veramente interessante e poi tu sei una enciclopedia vivente..sai un sacco di cose!!!un bacio ciao

  5. Giulia, le povere tartarughe avevano freddo! Fuori il sole riscalda tutti indistintamente, in una vasca le lampade colpiscono di più un certo punto e quindi tutte ci vogliono stare, la prima conquista la posizione, le altre le salgono sopra.

    Dilja

  6. Io torno la fricchettona che ero quando viaggio. immagina poi ad Istanbul e soprattutto per il successivo giro in macchina in mezza Turchia..

  7. hai ragione, quando si viaggia la valigia deve essere minimal!

    io non vedo l’ora di andare ad instanbul, il mio moroso ha un amico turco, molto simpatico (in realtà è un collega di lavoro…) e ci farebbe certamente da guida!

    cani e gatti in vetrina cmq mi capita di vederli anche qui a Bologna! 😀

Rispondi a PUNKIE Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *