Consigli cinematografici: a piedi nudi nel parco

L’altro giorno, dopo avere visto Our Souls at night, il nuovo film con Jane Fonda e Robert Retford su Netflix (ve lo consiglio), mi è venuta voglia di rivedere “Barefoot in the park”, una commedia deliziosa con gli stessi protagonisti, datata 1967.

Potete leggere del film anche sul blog della mia amica Mele, che gli ha dedicato un post ben più dettagliato di questo. Io mi limito a concentrarmi sui costumi, disegnati da Edith Head, molto carini anche se virano verso gli anni 70 (mentre la mia decade preferita sono i 6o).

tumblr_ordmk82ggZ1usvc2io5_1280

00apiedinudinelparcobarefoot 11130146_963951953638536_3898898511795460344_n a_piedi_nudi_nel_parco_ft_02

BAREFOOT IN THE PARK, BAREFOOT IN THE PARK US 1967 ROBERT REDFORD JANE FONDA Date 1967. Photo by: Mary Evans/PARAMOUNT PICTURE/Ronald Grant/Everett Collection(10301129)   Original Filename: HTRA112_VV230_H.JPG
barefoot4 JANE-598092 pa-bare-taeer-i-parken_a-G-12681925-8363143

Il film parla di una coppia di sposini che si trasferiscono in una nuova casa a New York e devono affrontare il primo periodo di vita matrimoniale, tra appartamento minuscolo, vicini strani, una madre da sistemare e i primi litigi.

Fa molto ridere anche se Jane Fonda presenta tratti tipici di una donna un pelino complicata, cosa che nel film funziona ma che nella vita vera dubito possa aiutare una relazione.

– Corie  è morbosamente attaccata al marito. Non lo lascia quasi andare al lavoro, non lo fa uscire di casa se non ha ricevuto un bacio come si deve e lo copre di attenzioni e carinerie quasi soffocanti
– I due sposini vivono in una casina minuscola, usano come armadio un tubo nel muro difianco al letto e hanno un buco sul soffitto
-La madre di Corie è naturalmente scettica rispetto a questa sistemazione, non proprio adatta ad una signorina per bene e ad un giovane in carriera
– Corie è una ragazza logorroica, esagerata nelle emozioni, mentre il marito è più freddo, composto, e non si lascia andare a stupidaggini, come per esempio camminare a piedi nudi nel parco, cosa che lei vuole fare da sempre e a cui lui non si presta
– I due litigano, il litigio diventa melodramma e senza nemmeno cercare di chiarirsi i due dichiarano di essere troppo diversi e inabili a stare insieme, salvo poi ovviamente ricredersi e fare pace
14/09/2011

Tags: , , , ,

12 pensieri su “Consigli cinematografici: a piedi nudi nel parco

  1. ah ho ben capito di quale parli, l’ho scoperto cercando info su This is England e film del genere. No non saprei proprio come aiutarti, sono una frana in queste cose, mi dispiace!

  2. ciao
    visto che si parla di film ti faccio una domanda a proposito, anche se non è proprio sul genere di “A piedi nudi nel parco”: hai vai visto “Made in Britain” con Tim Roth? Sai se esiste una versione in italiano?
    Lo vidi molto tempo fà, ma non sono mai riuscita a trovarlo tradotto. Se conosci un modo per poterlo vedere online sarebbe perfetto.
    Grazie

    ciao ciao

  3. Anche io adoro questo film!Credo che tutte le giovani coppie piene di sogni che dividono minuscoli appartamenti in città caotiche e care come il fuoco ci si ritrovino.Jane Fonda era una gnocca paura.Forse non era rinsecchita e ipermuscolosa come la attuali starlette.Non era questione di fisico,era sex appeal…quella camicia da uomo portata così…farebbe impazire qualsiasi maschio ANCHE OGGI!

  4. non ho letto lo spoiler perchè mi riservo a questo punto di vedere il film, anche io non l’ho mai visto, che vergogna, è talmente famoso! e ti do ragione sul fatto che il Robert fosse un gran gnoccone! se pensiamo a come è adesso.. irriconoscibile, ahimè..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *