In amor vince chi fugge: La tecnica del gambero elegante

Qualche tempo fa, ad Atene,parlavo  ammorbavo il mio amico Geri con le mie deludenti avventure amorose, cercando come sempre di capire il da farsi.
Spero abbiate tutte un amico eterosessuale con cui confrontarvi, perché sarà uno dei pochi che vi potrà dare un punto di vista oggettivo sulle faccende di cuore, dato che le amiche notoriamente ci vogliono troppo bene per dirci la verità, oppure sperano così tanto che le cose vadano per il meglio che non ci aiutano. L’amico eterosessuale invece si mette subito nei panni del povero malcapitato che state stalkando frequentando, dandovi un punto di vista lucido e preciso (di solito, il famoso “la verità è che non gli piaci abbastanza”).

Raccontavo dunque a Geri di un ragazzo che palesemente non mi voleva e che io mi ostinavo ad inseguire e sono stata subito illuminata sul fatto che
1) non c’era nessun speranza con questo tizio e
2) come dice mia nonna, non stavo “figurando bene”.

“Quando è così, occorre una misura drastica”, dice il mio amico con grande sicurezza. Come non fidarsi?

Quella che segue dunque è la spiegazione di un uomo eterosessuale nel fiore dell’età e sufficientemente esperto di relazioni su come farvi retrocedere con stile da una situazione nella quale vi siete buttate a capofitto troppo presto, quando cioè  vi piace molto una persona e glielo avete fatto capire, magari anche con insistenza, senza ricevere in cambio nessun tipo di risultato concreto. Attenzione, lui non è sparito, semplicemente avete capito che non è preso da voi come lo siete voi di lui, oppure che vi vuole vedere solo per portarvi a letto e a voi non va bene, oppure peggio, vuole essere vostro amico. Siamo nella classica situazione in cui lui ancora vi scrive, vuoi per tenervi sempre calde, vuoi perché non ha niente di meglio da fare, vuoi perché gli piacete, ma non abbastanza o non nel modo che vorreste.

LA TECNICA DEL GAMBERO ELEGANTE

Attenzione, non stiamo parlando della tecnica del gambero classica, cioè sparire, perché quello farebbe pensare all’altro che siete ferite, deluse, stizzite o arrabbiate.
Voi non siete ferite, semplicemente avete di meglio da fare, quindi scomparirete dalla vita dello scemo di turno con classe ed eleganza, cosicché lui pensi che vi sta perdendo, non che ve ne state andando leccandovi le ferite.

N.d.r: gli esempi che riporto sono riferiti a donne che scappano dagli uomini, semplicemente perché questi ultimi sono creature semplici e limitate. Non sono sicura che questa tecnica funzioni con le ragazze, notoriamente più sveglie.

FASE 1: Lui vi cerca,  rispondete con garbo IN MASSIMO 4 PAROLE

SE VI CHIAMA: MAI RISPONDERE

Complimenti, siete incappate in rari esemplari di uomini che telefonano! Peccato che voi non risponderete MAI PIU alle sue telefonate (avete di meglio da fare e poi non potete parlargli, se no cedete), gli scriverete invece un messaggio di massimo 4 parole. Siete troppo occupate per scrivere di più.

  • “scusa ti richiamo dopo!”
  • “scusa occupata,ti richiamo!”

Ovviamente non lo richiamerete mai.

SE VI SCRIVE: CONVERSAZIONI STRINGATE

Non avete tempo di chiacchierare. Rispondete semplicemente alle sue domande, magari neanche a tutte. Deve capire che non state a guardare il telefono tutto il giorno. Fategli sentire che non conta niente. Risposte brevi, cordiali ma senza dettagli personali o domande. Fate finta di stare parlando con una zia che vi stressa di continuo e a cui siete obbligate a rispondere.

SE VI INVITA: RIMANDARE CON CORDIALITA’

Dopo brevi convenevoli (mi raccomando, BREVI), vi chiederà di vederlo. Raccogliete tutto il vostro amor proprio, lo sapete perché vi vuole vedere e non è il caso di andare, non siete sempre a sua disposizione. Eccoci dunque al finto si che in realtà è un no. Non potete proprio andare a questo appuntamento, ma non escludete di uscire in futuro. Tranquillizzatelo con una spolverata di simpatia: faccine e punti esclamativi sono ammessi.

  • ” si magari domani!”
  • “oggi non posso, domani?”
  • “Giovedi no ma Venerdì forse!”

 

FASE 2: LA SPARIZIONE

Stabilito che vi vedrete in un futuro prossimo più o meno identificato, lui si farà vivo per fissare l’appuntamento, e voi SPARIRETE. Nessuna risposta. “A che ora ci vediamo?” “dove e quando?” “ti aspetto da me?”. NIENTE, nessuna risposta, non siete raggiungibili. Potete anche aprire whatsup e fargli vedere che avete visto i suoi messaggi, non c’è bisogno di usare tattiche. Semplicemente non rispondete. Che pensi quello che vuole.

FASE 3: LE SCUSE SENTITE

Probabilmente vi scriverà per chiedervi cosa sia successo, perché siete sparite senza nessuna spiegazione. Vi dovete profondere in scuse, siete COSI’ MORTIFICATE! Anche qui, faccine e punteggiatura sono ammessi.

  • Oddio scusa mi era morto il telefono!
  • Scusami tantissimo ho avuto un imprevisto!!
  • Non puoi capire cosa è successo scusa!

Proponete di riprogrammare un appuntamento, è tutta colpa vostra, oddio che dispiacere. Fissate un’altra data e un’altra ora.

FASE 4–> FASE 1

Si torna alla fase 1: lui vi cerca, voi non vi fate trovare. Se arrivate a fissare un altro appuntamento, all’ultimo momento dategli buca senza pietà. Nessuna risposta alle chiamate né ai messaggi. E poi via alle scuse sentitissime, e di nuovo da capo alla fase 1.

Vi confermo poi che ho testato la tattica su un tizio di cui non mi importava niente, semplicemente perché non avevo il coraggio di scaricarlo, e vi posso dire che mi scrive senza perdere le speranze dal 17 di Marzo, nonostante io continui a dargli buca e a sfuggirgli. La tecnica di Geri funziona. Conserviamo la dignità che ci è rimasta!

Share...
Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on TumblrPin on PinterestShare on Google+
24/04/2017

Tags: ,

9 pensieri su “In amor vince chi fugge: La tecnica del gambero elegante

  1. E con gli stronzi che si dicono mega presi e poi spariscono? Non vale?
    Certamente metterò in atto la tecnica la prossima volta, basta mostrarsi così coinvolte pensando che la sincerità sia la cosa migliore e non servano giochetti!

  2. Tu e Geri santi subito! Da appendere in camera!

    Sarebbe utile sapere quale tecnica del gambero adottare in un caso leggermente diverso: gli piaci, lui ti piaceva, l’hai frequentato per poco tempo ma hai capito che non c’è chimica o peggio è uno stronzo e potrebbe farti soffrire.
    Come sfuggirgli senza evitarlo totalmente?

  3. La cosa tragica é che la tecnica del gambero elegante viene insegnata anche nelle business school, come certificato dagli svariati prof buzzurri che l’hanno usata per tenermi sulle spine per mesi per un contratto da ricercatore :p

  4. La tecnica di Geri funziona eccome, e inconsciamente la sto usando da 3 e dico 3 anni con uno che mi aveva portato a letto poi era sparito nel nulla più totale, io disperatissima ovviamente, appena ripresa la razionalità ho fatto più o meno quanto scritto sopra e il ragazzo in questione è ancora lì! Pazzesco.
    Giuli ma i ragazzi alla Geri dove si conoscono?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *