Consigli cinematografici: belli fuori

Oggi non vi parlo di film dove la sfigata di turno si toglie occhiali e si stira i capelli e improvvisamente il figo della scuola si accorge di averla sempre amata (guarda caso non se ne accorgono mai quando la ragazza ha ancora il monociglio e i vestiti fuori moda).

Vi parlo invece di film dove la bellezza per i protagonisti non c’è proprio e (sembra) non arriverà mai.

I FEEL PRETTY  (2018)

Il nuovo film Amy schumer è curioso : una ragazza che ha sempre voluto essere carina si sveglia un giorno vedendosi bellissima, anche se è grassoccia e non bella in senso canonico. La ritrovata sicurezza in sé farà in modo che il mondo la tratti come si aspetta di essere trattata in quanto bella.

LA FORMA DELL’ACQUA (2017)

Diretto da Guillermo del Toro, con Sally Hawkins come protagonista, una donna delle pulizie muta che lavora in un laboratorio e si innamora di una strana creatura marina tenuta prigioniera.

AMORE A PRIMA SVISTA (2001) – (SHALLOW HAL)

Film bruttino con Gwyneth Paltrow che però tocca un tema interessante: Hal, un uomo che punta sempre belle ragazze che non riesce a conquistare, grazie ad una seduta di ipnosi riesce a vedere solo la bellezza interiore delle persone. Si innamora quindi della figlia del suo capo, una ragazza obesa che però lui vede perfetta. L’effetto dell’ipnosi svanirà, cosa succederà?

LA BELLA E LA BESTIA (BEAUTY AND THE BEAST)

La famosa fiaba Disney è una delle prime ad aver toccato il tema della bellezza interiore: ci si può innamorare di una persona nonostante non sia bella, anzi, sia orribile? Bella riesce ad innamorarsi di un essere bestiale ma dal cuore buono, nonostante pensi che non si trasformerà più in umano.

02/03/2018

Tags: ,

8 pensieri su “Consigli cinematografici: belli fuori

  1. Siccome trovo che il politically correct sia una piaga dei nostri tempi, credo che il film della Schuman sia la solita commedia motivazionale Americana. Ah l’America… il paese dove “tutti siamo belli perché unici” e al tempo stesso la patria del finto (seno, denti, unghie e chi più ne ha più ne metta) dove la maggior parte delle donne, stando a delle statistiche, spende i rimborsi delle tasse in ritocchi vari.
    Comunque ho visto che nel film c’è anche Michelle Williams e lei sì, che è bella!

    1. bella ma tutta rifatta!! ha la faccia di gomma, non l’avevo quasi riconosciuta nel trailer
      vero il film è un po’ paraculo ma ha il suo perché secondo me, e poi lei mi fa sempre ridere quindi lo vedrò sicuramente

      1. Tutta rifatta, no, dai! Credo che abbia ritoccato il naso, come moltissime attrici. Ho notato che quando dimagrisce cambia parecchio perché il viso le diventa molto più piccolo, poi nel film è parecchio artefatta, forse per il ruolo da algida lavoratrice nel mondo della moda.
        La Schumer so che la seguono in tanti, in America la adorano ma non l’ho mai seguita. Direi che non spenderei per vederla al cinema, ma in tv un film del genere lo guarderei volentieri.

        1. Mica vero che la Schumer sia amata, al contrario… Gli uomini in genere la detestano, tante donne l’apprezzavano prima che svariati articoli facessero emergere le sue – tante – rogne; oggi come oggi il suo pubblico è giusto quello delle donne bianche.

          (Michelle Williams rifatta? Resto basita, a me non pare…)

          1. Annarella, non la seguo perché “a pelle” non mi piace e ha un senso dell’umorismo molto americano che io proprio non riesco ad apprezzare. Non so quali siano le sue rogne ma molte riviste ogni volta che fa qualcosa ne parlano come se fosse un genio, immensamente talentosa. A me da sempre l’idea che sia perché sono politically correct.
            La Williams, rifatta o no, per me è davvero bella. Ho visto un reportage in cui dicevano che dai 25 in sù a Hollywood tutte le attrici si ritoccano, è proprio inevitabile. Anche quelle che negano qualcosa fanno. Ma è triste che siano sempre le donne a descriverle come “tutte rifatte”. Allora anche la tinta ai capelli o l’apparecchio per i denti sono da considerare artifici. Comunque pure gli attori uomini si ritoccano tantissimo.

    2. secondo me è vero che là in tanti si ritoccano, ma c’è comunque un concetto di bellezza più ampio, in Italia mi sembra che vigano canoni molto provincialotti e antichi, ci sono attrici americane considerate bellissime che qui non avrebbero mai sfondato e nessuno le avrebbe mai considerate belle perché non omologate agli standard

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *