Consigli cinematografici (serie tv): donne in ambasce

Olive Kitteridge è una miniserie televisiva statunitense in quattro parti trasmessa nel 2014 sul canale HBO, basata sull’omonimo romanzo del 2008 di Elizabeth Strout (per il quale ha vinto l’Oscar per la narrativa e che vi consiglio caldamente). Vi avevo parlato di questa serie in un vecchio post.

Olive Kitteridge (la fantastica Frances McDormand) è una rigorosa insegnante di matematica, ormai in pensione, che vive in una piccola città di mare con il marito premuroso e un figlio ribelle. La serie racconta gli ultimi 25 anni della vita della donna, per niente amabile, sarcastica, depressa, litigiosa, amata nonostante tutto dal marito che la accetta esattamente così com’è. Da vedere anche solo per la performance della McDormand, come sempre strepitosa.

Mildred Pierce è una miniserie televisiva statunitense in cinque parti, prodotta da HBO e vincitrice di cinque Premi Emmy. La miniserie si basa sull’omonimo romanzo di James M. Cain, già adattato per il cinema nel 1945 con il titolo Il romanzo di Mildred, che valse l’Oscar a Joan Crawford.

In questa versione televisiva il ruolo da protagonista è affidato a Kate Winslet, affiancata da Evan Rachel Wood, Guy Pearce e Melissa Leo.  Per la sua interpretazione, Kate Winslet ha vinto un Emmy, un Satellite Award, un Golden Globe ed uno Screen Actors Guild Award.

Nella Los Angeles della grande depressione, Mildred Pierce si separa dal marito poco di buono e lotta per mantenere se stessa e le sue due figlie. Da semplice cameriera inizia una scalata verso il successo, diventando proprietaria di vari ristoranti, ma i soldi si sa non portano la felicità. La figlia Veda crescerà cattiva come una serpe, Mildred si ostinerà a cercare uomini sbagliati, sarà tutto sbagliato e dolorosissimo. Fantastica Kate Winslet e perfida al punto giusto Evan Rachel Wood.

Share...
Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on TumblrPin on PinterestShare on Google+
02/02/2018

Tags:

3 pensieri su “Consigli cinematografici (serie tv): donne in ambasce

  1. Non c’entra niente con il post ma che bello che sei tornata a pubblicare, è un piacere leggerti e dai sempre degli spunti interessanti! Grazie!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *