Trend: perle barocche

2-paris-fashion-week-ss17-beauty

_ARC0586

Il primo marchio è stato – come sempre – Céline, che con la Spring/Summer 2017 ha portato in passerella bijoux con grandi perle di fiume. Da lì (con il dovuto ritardo per metabolizzare la novità) è stata mania: perle su orecchini, bracciali collane, rigorosamente irregolari e grandi. Insomma, nessuna perla rotonda da brava ragazza, sì alle perle di fiume! Ecco alcuni marchi che hanno saputo sfruttare il trend.

 

BRINKER AND ELIZA

Madre e figlia dal Connecticut, le due hanno messo in piedi un piccolo marchio molto chic e divertente, dove le perle di fiume si trovano su collane e orecchini

Brinker_Eliza_51_1

Snow_Day_Earrings

Brinker_Eliza_43

 

BECK

Made in NY e venduto dai più importanti retail online (ma i suoi gioielli non costano molto, anzi!), si è fatto notare per gli orecchini rotondi con le perle tutte intorno, quasi a fiore

beck 3

beck

beck2 4

 

COQUICOQUI

Marchio americano che si è focalizzato sulle conchiglie durante l’estate, ora è saltato sul vagone delle perle

coqui 3

coqui

coqui2

coqui4

HALITE

Il mio nuovo marchio del cuore, tutto made in Italy e prodotto in Puglia. Non esiste un sito web ma potete contattare le gentilissime madre e figlia dietro il brand, saranno felici di accontentare le vostre richieste! Stay tuned perché stanno arrivando anche i gioielli placcati in oro…

Cattura Cattura2 Cattura3 Cattura4

 

TIMELESSPEARLY

Ho notato questo brand su Leandra Medine e durante il fashion month su Erika Boldrin. I gioielli distintivi sono i ciondoli con le lettere ma anche interessanti ciondoli con perle piatte. Non hanno ancora un sito web ma sono sicura che non tarderà ad arrivare perché hanno fatto un bel seeding su tante influencer

2

3

timelesspearly

4

12/10/2018

Tags:

5 pensieri su “Trend: perle barocche

  1. Sai sempre dare spunti utili … io sono sempre stata quella che “le perle no fanno troppo Sciura”. Per fortuna che mi hai fatto scoprire le perle di fiume e soprattutto Helite sembra un brand bellissimo!!

  2. non sono di fiume, sono perle barocche o scaramazze o rigate, è la forma a definirle, poi possono essere di fiume o di mare o coltivate a seconda

  3. Madonna, Torelli, che servizio di pubblica utilità che fai. Però c’è un problema sulle perle di fiume, cioè che quelle che ho in casa (=quelle che mia madre e mia nonna a inizio anni ’90 avevano a tonnellate perché erano di moda e costavano pochissimo, addirittura in diversi colori tipo grigio polvere e rosa antico) sono piccole e insignificanti, invece quelle di cui parli tu sono grosse. Quindi non posso riciclarle a meno che non mi metta a scomporre i fili e li ricostituisca per fare orecchini e collanine creative, ma non ho il pollice opponibile e quindi niente, sono fuori dal trend anche a ‘sto giro.

    1. hahahahaha
      ma non è vero, non l’ho menzionato perché costa tanto ma il BALMY di LIL (il chocker di perle) è fatto di perle piccolissime, quello puoi copiarlo tranquillamente! Basta che le infili tutte in un filo di plastica trasparente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *