Oggi voglio parlarvi di un tema di cui non si parla mai,  di rasoi. In America è diventata una categoria merceologica molto importante, tanto che sono nati svariati brand che vendono rasoi in colori pastello, minimali, bellissimi. La cosa interessante però non è il prodotto ma la filosofia che promuovono, tutta incentrata sulla body positivity, l’accettazione di sé stesse e addirittura il non depilarsi, se è quello che si vuole. Ho individuato 3 brand che hanno seguito questa moda meravigliosa.

billie

billie billie2

BILLIE

Il primo che ho scoperto, forse il precursore, Billie è un brand rivoluzionario: il video manifesto è una carrellata di donne di tutte le taglie e forme che si depilano peli VERI (quindi non si vedono le classiche gambe liscissime delle pubblicità dei rasoi) e ha creato un certo scalpore sul web. Il servizio che offre Billie è stupendo: soltanto online si può comprare rasoi, creme depilatorie e ricariche. I prodotti sono rosa, verdi, azzurrini e si può pagare per ricevere tutti i mesi o ad altri intervalli regolari un nuovo kit di ricariche.

Questo è uno dei brand claims: “Shaving companies have always been created for men which may explain why we’re still overpaying for women’s razors and referred to as goddesses for shaving. Women shouldn’t be an afterthought in the shaving category. We deserve to have a great shave and no, we’re not paying more for it. We’re here to make a daily routine a little more delightful and a lot more affordable”.

e poi grazie a Billie ho imparato il concetto della PINK TAX

“Ah, the pink tax: that extra amount women are charged for certain products or services, for no good reason. You see it with fashion, dry cleaning and personal care. And you see it with razors. We’re strongly against the pink tax. That’s why our razors aren’t just half the price of women’s shaving brands, they’re priced in line with men’s razor subscriptions. Drop the pink tax. Pick up Billie”.

Geniali.

estrid-lady-4

heyestrid heyestrid2

HEY ESTRID

Marchio nato sulla falsariga di Billie, Hey Estrid è un brand scandinavo. Il sito dice: “Scandinavia’s first razor brand developed foremost for women. 100% vegan. Changing the way we think about shaving + hair + body care”. Il concetto è lo stesso: rasoi bellissimi e kit adorabili che non sfigureranno nel vostro bagno.

flamingo

flamingo2 meetflamingo

FLAMINGO

Idem con patate per Flamingo: prezzi contenuti, estetica dedicata a Millennials e Generation Z, kit acquistabili online.

“Although our body care experiences are unique, nearly all of us (99% to be exact) remove some type of hair. We don’t think that process should be complicated or expensive”

 

E in Italia, direte voi?

wilkinson-intuition-2

Wilkinson Intuition

In italia ho trovato qualcosa di vagamente simile, quantomeno in termini di prodotto di qualità, con Wilkinson intuition: l’unico rasoio buono che io abbia provato fino ad ora, con 4 lame in un cuore di crema-sapone. Nessun pericolo di tagliarsi, un packaging carino e una durata non male. E’ solo leggermente ingombrante e purtroppo non si trova facilmente  ma per ora secondo me è il migliore sulla piazza.

 

(in questo articolo sono presenti link di affiliazione che mi consentono di percepire una commissione sulle vendite dei prodotti attraverso i link. Per darvi un’idea della commissione, forse ci compro due caffè :))

7 Commenti

MOSTRA I COMMENTI
  1. susanna

    02/10/2019 alle 11:01

    Uso il wilkinson da ANNI! è stato la rivoluzione, non posso più vivere senza e se rimango senza ricariche vado nel panico. Unica cosa che mi sento di dire è che le ricariche costicchiano…per carità durano eh, però se ne fai un uso costante diventa una spesa effettivamente! trovo che forse se ne approfittino un tantino anche per il fatto che si tratta dell’unico prodotto veramente valido sul mercato. Non ha assolutamente competitor. Ce la faremo piacere anche così finchè non arriverà Billie…

    Rispondi
  2. Martina Zamboni

    25/09/2019 alle 11:20

    Ciao Giulia,
    Allora, tutti questi prodotti mi piacciono e se vivessi negli US un billie me lo sarei comprato subito perché sono anch’io vittima del marketing pastello 🙂

    Detto ciò, penso che da consumatori sia importante ricordarsi che il buon vecchio fine del capitalismo non cambia. Femminismo, sostenibilità e veganesimo creano nicchie di mercato estremamente appetibili di cui le aziende si appropriano felicemente (soprattutto chi punta a una clientela giovane, urbana e cool), sempre tendenzialmente al fine di guadagnarci.
    Questo non scusa decadi di pubblicità sessiste, ma neanche il fatto che billie mi sta fondamentalmente vendendo un rasoio come tutti gli altri, in un packaging calcolato per essere più attraente per me (instagrammabilità ed empowerment inclusi).

    Rispondi
    • rockandfiocc

      25/09/2019 alle 15:22

      eh si hai perfettamente ragione. sono vittima del marketing e delle loro belle parole!!

      Rispondi
  3. Vittoria

    25/09/2019 alle 9:46

    Ciao Giulia
    Appena hai parlato del wilkinson nelle tue storie l’ho comprato subito ed è fantastico! Zero tagli, pratico e lascia le gambe profumate. Come sempre: best influencer ever ♥️

    Rispondi
  4. La Zietta

    25/09/2019 alle 8:31

    Stellina, dai, meglio la ceretta che alla lunga riduce la crescita. Questi solo per emergenze o durante la depilazione definitiva. Baci

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *