Euphoria

Ovviamente avrete sentito parlare della serie tv del momento, che racconta la vita di un gruppo di adolescenti in una cittadina americana,  con protagonista Zendaya nei panni di Rue, una drug addicted alla tenera età di 17 anni. Tutti i personaggi sono super caratterizzati, con uno styling (finalmente) moderno e on point, una colonna sonora stupenda e uno spaccato molto realista (forse troppo? Chi lo sa come sia la situazione in America) sulla Generation Z. L’ho amata.

Living with Yourself

Molto carina questa serie breve su Netflix, solo 8 episodi brevi in cui Paul Rudd, il protagonista, decide di pagare una bella somma per una spa, salvo poi trovarsi a casa un clone di se stesso. Molto interessante come affronta la situazione, anche se la trama non è pazzesca sono rimasta incollata allo schermo per vedere come finiva.

Modern love

Ho pianto caldissime lacrime lo scorso weekend davanti a questa nuova serie di Amazon Prime Video (che si riconferma il mio canale preferito, battendo di gran lunga Netflix, anche solo per la presenza sul canale di Mrs Meisel, The Office e La Tata), basata liberamente sull’ omonima rubrica del New York Times, che dal 2004 pubblica e risponde alle lettere dei lettori. 8 storie d’amore diverse e ugualmente belle (ho già detto che ho pianto tanto?), mi hanno rischiarato la domenica. Consigliatissima!

2 Commenti

MOSTRA I COMMENTI
  1. Sil

    13/11/2019 alle 13:16

    Ho scoperto Modern Love grazie al tuo post e anche io: lacrime, sorrisi, lacrime, sorrisi.
    L’ho visto insieme al mio ragazzo e anche a lui è piaciuto un sacco.
    Gli essays sono qui: https://www.nytimes.com/column/modern-love
    Ne ho iniziati a leggere alcuni, pazzeschi. Spero girino la seconda stagione.
    Grazie =)

    Rispondi
  2. Yvette

    22/10/2019 alle 15:14

    grazie me le segno tutte

    Rispondi

Rispondi a Sil Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *