Ops!

A Marzo l’Officiel aveva ricavato un editoriale sull’argomento caduta modelle.
In effetti, quest’ anno si sono visti davvero tantissimi capitomoboli.
Colpa di modelle spesso giovanissime e inesperte, e di scarpe più che mai assassine.


Prada, spring 2009
Poi ne parliamo, del “primitivismo” della Miuccia.
forse questo è il video della caduta più famosa, da Vivienne Westwood, qualche stagione fa.
Sempre da Vivi la caduta più famosa del mondo, Naomi Campbell nel 1993.

riassuntino esilarante di altre cadute.
17/04/2009

Covers

Grande scalpore per le due cover del mese di Maggio più chiacchierate del momento:
Elle Francia e Vogue America
Il primo riporta le foto di 3 famose senza trucco, Monica Bellucci, Eva Herzigova e Sophie Marceau, tutte attorno ai 40.
Il secondo è intitolato “The Faces of the moment” . Anna Wintour decreta le modelle più amate del momento, cioè (secondo lei) Liya Kebede, Natalia Vodianova, Anna Jagodzinska (?), Isabeli Fontana, Lara Stone, Jourdan Dunn, Raquel Zimmermann, Caroline Trentini e Natasha Poly. Tutte fotografate da Steven Meisel (strano!)
Bah, sarà.
15/04/2009

Mariées

Christian Lacroix è famoso per le sue spose, che fa uscire in scena alla fine di ogni sfilata haute couture.

Volevo fare un post su questo, ma mi è venuto in mente che anche Gaultier è famoso per le sue mariées


Anticonvenzionali, ovviamente.

Poi c’è Gianbattista Valli, maestro di eleganza e semplicità

Indosserei subito uno di questi abiti.

Ovviamente Chanel

La famosa poupée tricot di YSL del 1965

E l’abito di Sex&the city, subito esaurito su Net-à-porter, in versione semplficata (un pò piu corto e meno pomposo, 9875 dollari)

nonchè l’abito da sposa confezionato per Dita Von Teese (matrimono in viola? infatti è finito male)

Uno dei miei abiti preferiti di tutti i tempi è quello di Grace Kelly. Maniche di pizzo lunghe, velo lungo ricamato . Accollato e semplice ma allo stesso tempo ricco. Favoloso. 1956.

Tutto un altro stile rispetto a quello che scels Audrey Hepurn per il suo matrimonio con Luca Dotti, 1969. Indossava un abito rosa di cachemere con foulard in tinta di Givenchy, collant bianchi e ballerine. Forse giusto per l’epoca, a cavallo tra i 60 e i 70.
Sempre Audrey in “Funny Face”, la mia sposa preferita di sempre.
Oggi tutto l’ insieme é davvero demodé, il velo corto con fiocchetto, i guanti corti, la gonna alle caviglie.

Ma lo adoro!!

Il galateo riporta che la sposa dovrebbe avere spalle coperte e nessun gioiello vistoso. Niente di peggio di spose vestite come da sera, ingioiellate e super scollate.

L’ abito è già lungo e appariscente di per sè, non c’è motivo di aggiungere gioielli, gonfiature, lacci, corsetti e scollature. La semplicità paga sempre. (amen, haha)

Calzolai celebri

Si dice che Christian Louboutin abbia inizato la tradizione della suola rossa, ormai suo marchio di fabbica, vedendo una sua assistente dipingersi le unghie mentre lavorava sul design di una scarpa. Versò direttamente lo smalto sulla suola di quel prototipo. Aveva pensato di dipingere tutti i “sotto” delle sue scarpe di un colore diverso, ma visto il sucesso del rosso, decise di non cambiare rotta.
Ok, ma Salvatore??

Ciao e grazie.
Che poi questa è la foto tarocca, non si vede la forma di Audrey.
Audrey Hepburn era grande estimatrice delle sue scarpe, e aveva mille ballerine Ferragamo di tutti i colori

Salvatore Ferragamo niziò la sua cariera negli states nei ’20, diventando subito il calzolaio delle star. Tornò a Firenze nel 1927. Dopo la chiusura per falimento durante la guerra, riaprì l’attività nel 1950, giungendo fino ad oggi, con linee di pret a porter, accessori, borse, valigie e profumi.
La città di Firenze ospita il museo a lui dedicato, in cui sono visibili i bozzetti delle calzature e i modelli che hanno rese celebre l’artigiano fiorentino, come la famosa ‘zeppa’ di sughero, brevettata nel 1936 e i modelli realizzati in rafia, cellophane, carta da caramelle, fili di nylon.

Le scarpe di Dorothy nel film “Il mago di Oz ” del 1939 sono di Ferragamo!

Un modello famosissimo e intramontabile è la ballerina con fiocchetto, oggi nella nuova versione, ma ancora ricercatissima nel modello vintage. Le blogger del momento fanno a gara per avere questo modello (am Lul, Stylebubble, My dailystyle)

14/04/2009

Chanel si/ni/?/no

Chanel è sempre incredibile, e Mr Karl continua a creare abiti stupendi…

Ma spesso gli abiti Chanel che vedo sulle star mi piacciono così cosi…

Certe cose mi lasciano perplessa:

Certe cose proprio non mi piacciono, o comunque non spenderei i (tanti) soldi che di sicuro costano per averle