Flickr I like

Liebemarlene, solo per i vestitini! Ha un negozio Ebay carinissimo, pieno di queste cose
http://www.flickr.com/photos/liebemarlene/sets/72157610728227030/

Disegni troppo carini, le pagine più vecchie sono le migliori

Ragazza super retro
Questo è il flickr di una giapponese, pieno di foto del suo coniglietto, Fukusuke.
Fukusuke a casa, in viaggio, in città.. è carinissimo, e io ho la maglietta!

ce ne sarebbero mille altri, ma ora non mi vengono in mente.

Poser

Fare foto dei miei outfit è sempre super difficile, per me.
Invidio molto certi blog in cui le ragazze sono così fotogeniche, e le foto cosi naturali.
Io sono sempre un pò imbarazzata, specialmente se è qualcun altro a scattare.
Mi dicono di muovermi, fare qualcosa, ma voglio solo una foto “in piedi”!

Ma la cosa che mi fa più innervosire è che nelle mie foto non si vedono mai i dettagli.

Ah che nervi!


Credo che la differenza tra me e le blogger “famose” sia che

1) loro sono fotogeniche e 2) hanno una macchina fotografica migliore.

E forse un buon fotografo, bah.

Mi accontenterei di una cosa normale, semplice, non troppo in posa

( Sea of shoes- 17 anni…)


The Cherry Blossom girl ha la stessa identica faccia, con quel mezzo sorrisetto, in tutte le foto. Almeno però è carina.

Childhood flames (17 anni)
(io toglierei quel vaso che appare in tutte le foto)
Fashion Toast (qui si va un pò più sul sexy)
Ma la maestra delle pose per me è Karla di Karla’s closet:
(sofferenza)

(tormento)

(risata, per far vedere lo smalto)

(corsetta)

La camminata è abbastanza gettonata

(Am lul)
E anche lo sguardo in basso. Non si rischiano strane facce.

Vanillascented

E infatti ho scoperto che è quello per cui opto sempre io, involontariamente, dopo qualche foto di prova semplicemente orrenda.

Nessun dettaglio visibile, luce orrenda.

Che devo farci…

Gaga again (scusate!)

Da qualche tempo a questa parte Lady Gaga ha qualcosa di strano… (ok, da sempre)
Dopo la sua apparizione ai Brit awards vestita da tazza da the…

Se ne porta sempre una appresso!


Ma proprio sempre! ai concerti la appoggia sul piano.
Ha dichiarato che la tazzina è sua amica.

Manish Ahora dress


No bra

Le piacciono i fiocchi, questo è sicuro.

La adoro!!

23/04/2009

Status Shoes

Yves Saint Laurent è morto ma Stefano Pilati è in mezzo a noi.
E le sue scarpe sono OVUNQUE, da qualche stagione a questa parte.

L’ anno scorso erano le “Tribute” shoes. Tutte le star del mondo le avevano :


Poi è stato il turno del nuovo modello, ancora più estremo.

Questa stagione, le caged shoes, sui 1000 euro
Credevo che avrei cominciato a vederle dappertutto, già come nuova scarpa dell’ anno, ma mi sono dovuta presto ricredere.
La scarpa di questa stagione è la “Spicy Sandal” di Louis Vuitton by Marc Jacobs


già vista su tutte le celebrità.
E un’altra scarpa piuttosto estrema ha avuto un rapido e improvviso sucesso, il modello di Christian Louboutin “Differa”, 1495 euro, visto per la prima volta su Aggy in Settembre, e poi su Hedi Klum ai Golden Globe:


Anche nel magico mondo delle (ricche) blogger, ci sono delle scarpe status, che tutte vogliono:

Balenciaga fall 2006

(Sea of shoes)

viste abbondantemente sulle sorelle Olsen, e di cui esiste una perfetta imitazione di Sam Edelman.

I boots di Emma Cook per Topshop:

(Rumi di Fashion Toast)

E i Doc boots di Chloe fall 2007

Del resto, sembra che le blogger abbiano soldi da spendere, beate loro…

Le scarpe di Rumi


L’ armadio di Sea of Shoes

Mostre all’estero 3

Il MoMu museo di Anversa, dopo la stupenda mostra del 2008 per i 20 anni della Maison Martin Margiela, presenta a breve una nuova esibizione: “Paper fashion“, fino ad Agosto 2009.
La mostra si concentra sull uso della carta e materiali simili nella moda di oggi.
Come recita il sito del museo, i primi abiti di carta sono nati nel 1966, usati per propaganda. Diventarono popolari durante il primo periodo della Pop art, e usati per slogan politici e promozionali, spingendo le aziende a cercare di prourre abiti in materiali simili ma piu resistenti, ma dalla fine dei 60 sono caduti in disuso. Ma la carta per l abbigliamento non é stato un fenomeno passeggero: Cina e Giappone hanno una lunga tradizione alle spalle in materia, e in periodi di crisi o guerra la gente usava anche la carta, in mancanza di altri materiali.
Dunque la mostra rende omaggio a tutto cio, e alla ricerca ancora portata avanti da certi stilisti, di esplorazione e studio su questo materiale e i suoi derivati.
Presenteranno abiti gli stilisti Hussein Chalayan, A.F. Vandevorst, John Galliano, Walter Van Beirendonck, Dirk Van Saene, Issey Miyake e molti altri (credo Margiela, dato che la sua linea “Artisanal” si occupa di queste cose”, mi ricordo della “Compressed paper Jaket”)

L’ossessione moderna per il logo è rappresentata in una mostra dall’ironico Jean Charles de Castelbajac a Londra.
Il nome della mostra è “Triumph of the Sign“, alla galleria Paradise Now fino al 3 Maggio.

Di altro stampo la mostra per i 60 anni della maison Dior, a Mosca.
La città Russa è il tema ricorrente degli scatti di moda, e nella città si svolgono in questo momento celebrazioni dedicate alla casa francese.
Nel 1959 Christian Dior sbarcava in Russia per presentare 120 modelli, e Galliano ha piu volte reso omaggio a questo paese. Fotografi della mostra, Patrick Demarchelier, Henry Clarke e altri. Ci sono immagini di servizi fotografici in giro per la città, oggi e all’ epoca, abiti di haute couture e foto di defilé.

Carina e proprio no

Alexa Chung è così bella, semplice, carina e adorabile che non si può non volerle bene
Ex modella, ora presentatrice tv, ha conquistato l’Inghilterra con la sua spontaneità e il suo vestirsi un pò a caso, a vera ragazza londinese.

Abito Luella
Quando la vedo con Alex Turner poi, sono invidiosissima, sono troppo belli e stilosi

Non so perchè, invece, Milla Yovovich mi sta di un antipatico terribile, non la posso vedere.

Sarà che ormai è una vecchiona (almeno per me) e si ostina a vestirsi da tredicenne, sarà che è osannata come icona di moda e non ne vedo la ragione. Per me si veste malissimo.


Ed è fissata con le scarpe a punta, pur non avendo un pedino

22/04/2009

Sopracciglione

Ho sempre adorato le sopracciglia folte. Danno intensità allo sguardo, e rendono più bello il viso.

Mi aveva sorpresa, ai tempi, vedere Audrey in “Colazione da Tiffany”, colorarsi le già folte sopracciglia con una matita marrone.

Hilary Rhoda

Talullah
Jennifer Connelly
Camilla Belle
Agyness Deyn


Senza esagerare.. (Frida)