Presente la storia di American Apparel, no?
Il marchio è stato fondato da Dov Charney, che cominciò da studente a smerciare magliette della Fruit of The Loom negli States.Da li a un azienda da più di 1000 dipendenti, il passo è stato breve. American Apparel nasce come marchio di semplici magliette in 18 colori, e poi si espande come sappiamo. I capi sono semplici, colorati, ideali per lo sport e il tempo libero. In effetti un po costosi, ma è perchè tutto, dal design alla produzione, viene fatto nel quartiere generale di Los Angeles. Il Los Angeles Times ha messo Dov nella lista delle 100 persone più potenti della California del sud. Le sue politiche interne all’azienda sono molto innovative: i dipendenti hanno alte paghe,assicurazioni sanitarie, speciali aiuti e politiche per gli immigrati, possono fare telefonate internazionali in orario di lavoro. Don prende tutte le decisioni creative e di sviluppo del prodotto da solo, ed è coinvolto nelle fasi di design e di pubblicità del brand. Le campagne pubblicitarie hanno vinto premi e sono molto seguite e famose, anche per gli atteggiamenti sexy dei modelli, che sono spesso dipendenti dell’azienda scelti da Charney in persona all’interno dei locali di AA o nei negozi, o gente recrutata a Los Angeles.
Purtroppo, ehm, il ragazzo è stato citato in causa molte volte per molestie sessuali, ma nessuna è stata provata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *