Credo che la mia piassione per Audrey Hepburn sia cominciata quando avevo 14 anni. Così, è nata di botto. In pochi mesi, ero la fan numero uno. La mia stanza è diventata un mausoleo, ho cominciato a collezionare poster, cartoline, libri e tutto quello che potevo trovare su di lei. Le altre ragazze amavano qualche attricetta, io amavo Audrey. Tutti mi prendevano in giro, era già morta da un pò. Mi sono tagliata per mesi la frangetta corta come lei in “Colazione da Tiffany”, ho cominciato a indossare ballerine, maglioncini tinta unita e a farmi stringere in fondo i jeans. Mi è sempre sembrato lo stile perfetto, semplice ma perfetto. In fondo, sono alta come lei e peso quasi uguale (lei era un pò sottopeso, per la sua altezza). Con i capelli e tutto, mi sentivo un pò lei.

Tutt’ora sono una grandissima fan, ma la commericalizzazione di tutto quello che la riguarda e la nuova Audrey-mania che è scoppiata da qualche anno a questa parte, specialmente tra le ragazzine trash, mi fa innervosire, mi sento una tra le tante, perciò non sbandiero più il mio amore come prima. Audrey è diventata del calibro di Marylin, e io sono contraria. Se ami Audrey non puoi amare Marylin perchè sono come la santa e la prostituta, l’eleganza e la volgarità, la raffinatezza contro boh, non so nemmeno dirlo, una donna imbellettata e montata.
Comunque cerco di evitare di sbandierare portafogli, orologi, e oggetti vari con stampata la sua faccia, trashissimi (anche se a casa li ho tutti, dal piatto al portaocchiali).
Credetemi, la mia è una fede vera.
Avrò visto Colazione da Tiffany 50 volte, non scherzo. Ora cerco di non guardarlo più, così ogni vota è una meraviglia. So tutti i dialoghi a memoria. Non posso ascoltare “Moon River”, nemmeno un pezzettino, in nessuna versione (ne esistono qualcosa come 20.000),ovunque mi trovi, di qualunque umore, scoppio in lacrime. Ho un vestito di mia nonna perfettamente uguale a quello nero con le piume che indossa nel film a casa sua la sera della festa, ma non ho ancora osato metterlo. Quando ho sentito la notizia della vendita del suo abito della prima scena del film, sono stata a pensarci giorni. Dicono che lo abbia coprato Viki Beckham, che sacrilegio. Se avessi avuto 400.000 dollari, giuro sarei volata a Los Angeles o non so dove, per comprarlo.
Ogni tanto guardo documentari sulla sua vita, il video di consegna dell’Oscar per Vacanze Romane, rileggo i suoi libri, e piango come una disperata.
Per me è e sarà per sempre la donna più bella del mondo.
So che non è poi tutta questa bellezza. E’ troppo magra, ha le orecchie e le narici grandi, il naso lungo. Ma è una meraviglia. Un concentrato di grazia, eleganza, bontà.
Solo leggendo quello che ha scritto, guardando i filmati su di lei, come parlava, come si muoveva, si intuisce che era una persona speciale.
Tutti gli attori che hanno recitato con lei se ne sono innamorati.
Cary Grant ha detto : “l’unico regalo che voglio per Natale quest’anno è girare un altro film con Audrey Hepburn”
Billy Wilder disse” Dio la baciò sulla guancia e fu creata”.
Tutti la adoravano, tutti non facevano che parlare bene di lei.
Dai quarant’anni circa, si è ritirata dalle scene, e si è dedicata soltanto ai suoi figli e alle sue cause umanitarie per l’Unicef. Ha viaggiato tutto il mondo, seppur malata. E’ morta a 64 anni.
Quasi tutte le ragazze appassionate di stile, vi diranno che uno dei loro idoli è Audrey Hepburn. Tutte le redattrici moda, tutte le attricette, moltissime ragazze di oggi.
Scusate, ma io mi sento sempre la fan numero uno

2 Commenti

MOSTRA I COMMENTI
  1. almacattleya

    13/12/2009 alle 11:29 AM

    Sono d’accordo con te, anche se questa considerazione negativa verso Marilyn Monroe la trovo eccessiva. Rappresentano appunto due lati della femminilità. Pensa che Truman Capote, autore appunto di Colazione da Tiffany, pensava a Marilyn Monroe come protagonista del film. Ritornando a Audrey. adesso vedo ragazzine che comprano borse e accessori con sopra la sua faccia. Inorridisco a pensare che quelle ragazze pensano così di avere un po’ del suo stile, che pensano così di essere come lei. Non hanno capito niente di cosa significhi avere stile.

    Rispondi
  2. kenac

    08/07/2009 alle 1:33 PM

    You are the fan number one! Traktorem

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *