LE VOYAGE DANS LA LUNE (1902)

Film fantastico del 1902 realizzato da Georges Méliès. Il film è una parodia basata liberamente sul romanzo di Jules Verne Dalla Terra alla Luna. È considerato il primo film di fantascienza e una delle scene iniziali del film, la navicella spaziale che si schianta sull’occhio della Luna (che presenta un volto umano), è entrata nell’immaginario collettivo ed è una delle sequenze che hanno fatto la storia del cinema. Fu la prima opera di finzione cinematografica a conoscere un successo mondiale. Dura solo 15 minuti (anche se esistono varie versioni), lo trovate su Youtube!


SUNRISE – AURORA (1927)

Fu premiato alla prima edizione dei Premi Oscar come miglior film e produzione artistica, una categoria abolita fin dall’edizione successiva e inglobata in quella di miglior film.  Nel 2007 l’American Film Institute l’ha inserito all’ottantaduesimo posto della classifica dei cento migliori film americani di tutti i tempi (nella classifica originaria del 1998 non era presente). Vi prometto che non è per niente palloso come sembra, anzi!


CITY LIGHTS – LUCI DELLA CITTA (1931)

Film scritto, prodotto, diretto e interpretato da Charlie Chaplin. Aneddoto: Albert Einstein andò alla prima del film negli Stati Uniti in compagnia dello stesso Chaplin. Quando gli spettatori li videro, si alzarono in piedi applaudendoli calorosamente. Allora pare che Chaplin abbia mormorato ad Einstein: “Vede, applaudono me perché mi capiscono tutti; applaudono lei perché non la capisce nessuno”. Charlie Chaplin è stato uno degli ultimi registi ad abbandonare il muto, nel 1940. Questo fu il suo film che la critica apprezzò di più.


MON ONCLE (1958)

Non esattamente un film muto ma quasi, dato che i dialoghi nei film di Tati non sono importanti e quasi non si sentono. E’ il terzo film di Tati e il suo primo a colori. Vinse l Oscar come Miglior Film Straniero. Adoro questo film, è uno dei miei preferiti e il secondo nel quale appare Monsieur Hulot dopo Les Vacances de Monsieur Hulot. E’ nel tipico stile di Tati, comico, intelligente e delicato. La trama è semplice: lo zio Hulot è molto differente dai coniugi Arpel ed è il prediletto del nipote Gérard, che sa sempre come fare uscire dalla monotonia.

THE ARTIST (2011)

Film muto in bianco e nero uscito -sorprendentemente – nel 2011, scritto e diretto da Michel Hazanavicius e interpretato da Jean Dujardin e Bérénice Bejo. È stato presentato in concorso al Festival di Cannes 2011, dove Dujardin ha vinto il premio per la miglior interpretazione maschile. Il film ha ottenuto numerosi riconoscimenti internazionali tra i quali spiccano cinque statuette ai Premi Oscar 2012, tre Golden Globe, sette BAFTA e sei César. È il film francese più premiato di tutti i tempi. Fu girato a colori e poi fatto uscire in bianco e nero ed è il primo in bianco e nero ad avere  vinto l’Oscar dopo Schindler’s List nel 1994. Inoltre, era dall’edizione del 1929 che un film muto non vinceva tale premio.

Ce ne sono mille altri famosi da vedere ovviamente, questi sono solo quelli che ho visto io (tra i più famosi, in ogni caso!)

Taggato in: , , , , ,

4 Commenti

MOSTRA I COMMENTI
  1. Martina

    03/01/2016 alle 10:34 PM

    Giulia la casa di Mon Oncle era anche alla biennale di architettura del 2014! la Francia nel suo padiglione proiettava il film e lo usava come spunto di riflessione su come veniva percepita la casa “moderna”, mi era piaciuto molto! Grazie di tutti questi consigli sui film, super interessanti 🙂 Martina

    Rispondi
  2. Alisa

    31/12/2015 alle 9:56 AM

    Buone vacanze cara!
    http://www.okmi.it/

    Rispondi
  3. Erica

    31/12/2015 alle 9:56 AM

    Visto quello della luna (il fidanzato è appassionato di fantascienza vintage), naturalmente Luci della Città e the Artist è meraviglioso!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *