Secondo post sulle scarpe in una settimana, spero non vi dispiaccia 🙂

Lo scorso weekend ho letto questo libro, pensando che fosse il solito volumetto che mi regalano perché sanno che sono appassionata di moda, tipo i libri di Nina Garcia (ne ho letti due, scontatissimi)

nrm_1416647711-d70f0c412b0a9ae8c9c13bdd64dd4291-le-donne-dalla-caviglia-in-giu

 

 

Invece ho avuto malafede sul gusto della mia amica MariaGiulia (hehe scusa amica), il libro, nonostante sia scritto in modo abbastanza elementare, è molto interessante. Parla della storia delle scarpe dai loro albori ai giorni nostri e si concentra sul ruolo che le calzature hanno avuto nel cinema, facendo vari esempi di scarpe famose nei film del Ventesimo secolo. Ovviamente appena sono tornata dal mare mi sono precipitata a guardare su Google tutti i riferimenti di cui non ero a conoscenza, come questi due sotto

una scena del film Double Indemnity (La Fiamma del Peccato) dove Barbara Stanwyck scende le scale rivelando un paio di leziose scarpe con pom pom di pelo che fanno capire molto di lei e della sua natura di femme fatale

SOURCE CREDIT - "British Film Institute"   Reproduction of this image requires the appropriate copyright clearance. In making this image available, the bfi confers no licence to use or copy the image. All copyright clearance is the responsibility of the user.   In consideration for making this image available, the user hereby agrees to indemnify the bfi against any claim or liability arising from the use of this image.   The information service of the bfi National Library may be able to carry out copyright ownership research on your behalf. Fax +44 (0) 20 7436 0165 for details of services and costs.   British Film Institute 21 Stephen Street London W1T 1LN  Tel +44 (0) 20 7255 1444 http://www.bfi.org.uk/

SOURCE CREDIT – “British Film Institute”primary_doubleindemnity-paramount-19441

oppure quest’altra, l’inizio de The Postman Always Rings Twice (Il Postino Suona Sempre Due Volte), con una lenta carrellata dal basso che parte dalle scarpe bianche di Lana Turner (di Ferragamo, all’epoca il calzolaio delle star) fino ad arrivare al suo viso

the postman always rings twice

the postman always rings twice

Taggato in: , , , ,

6 Commenti

MOSTRA I COMMENTI
  1. birbamele

    12/06/2015 alle 12:11 AM

    Vedi a dubitare della tua amica!!! Scherzoooo, comunque ricordati che me lo devi passare! Ah, e si scoprì che quella che non riuscivamo a identificare sul poster delle dive era proprio Lana Turner 😀 Baci amica, your Mele

    Rispondi
    • rockandfiocc

      12/06/2015 alle 8:46 AM

      ahh ecco infatti l ho dovuta googlare perché non l’avevo proprio in mente!

      Rispondi
  2. Simona

    11/06/2015 alle 10:46 PM

    Ti consiglio “Il calzolaio dei sogni” è l’autobiografia di Salvatore Ferragamo. Sicuramente apprezzerai!

    Rispondi
    • rockandfiocc

      12/06/2015 alle 8:46 AM

      ah si ho presente grazie! In effetti il libro che ho letto parla molto di lui e della sua storia, davvero interessante

      Rispondi
  3. BC

    11/06/2015 alle 8:25 PM

    sempre un piacere leggere questi articoli.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *