In realtà non voglio tutti questi libri. Mi dissocio dalla parte hipster perché se c’è una cosa che non sopporto sono i libri “famosi” che tutti comprano per avere in libreria (o perché non hanno voglia di leggere un romanzo?!) ma che in realtà non hanno niente scritto dentro che non sia già stato visto/letto/sentito e costano pure 25 euro. Però magari a voi piacciono o la vostra amica li vuole assolutamente, quindi vi dico anche quelli (ma vi giudico).

PER LE TORMENTATE IN AMORE

libri

Libri su psicologia e amore

 

LIBRI HIPSTER (cioè quelli che odio)

Li trovate tutti qui

libri hipster 1

libri hipster 2

 

 

LIBRI DI NUDO

nudo

Classiconi di fotografi ultra famosi, i primi che mi vengono in mente se si parla di nudo. C’è sempre un amico a cui regalarli, magari per fargli apprezzare un po’ anche la fotografia “artistica”. Attenzione a non farli girare troppo in casa, i vostri genitori si potrebbero fare strane idee

 

LIBRI DI ARTISTE DONNE

DONNE

Classiconi  (tranne Petra Collins, una fotografa ventenne emergente di New York) che vorrei

 

Per altre idee su libri bellissimi di moda, fotografia e arte,  la casa editrice più figa del mondo è IDEABOOKS. Hanno anche un account Depop che mi fa soffrire (vorrei tutto) e che vende anche giornali “vintage” di moda e non!

Taggato in: ,

5 Commenti

MOSTRA I COMMENTI
  1. Cecilia

    02/01/2016 alle 2:20 PM

    Io faccio parte dei pazzi che colorano! Ho iniziato prima di scoprire l’esistenza di quei libri e lo trovo molto rilassante, soprattutto in sessione d’esame. Molto meglio fare una pausa dallo studio “perdendo tempo” a colorare, piuttosto che stando su facebook!

    Rispondi
  2. Madamelagruccia

    27/12/2015 alle 8:43 PM

    Ho visto la mostra su Guy Bourdin proprio l’anno scorso, a Londra. Che dire… come ogni mostra alla Somerset House, non mi ha delusa.

    Ma è di Nan Goldin che sono innamorata. Credo che l’occhio della donna sia dotato di una sensibilità unica. Non per sminuire il (grande) lavoro di alcuni artisti uomini come lo stesso Guy, ma mi capita di scorgere sempre una sorta di tenerezza, una sofferenza mai eccessiva, sempre molto delicata, nell’arte al femminile.

    Baci
    Angela
    http://www.madamelagruccia.blogspot.it

    Rispondi
  3. Maria

    22/12/2015 alle 12:44 PM

    Ho regalato “Good Things to Drink” assieme ad uno shaker e a una bottiglia di Boodles, è stato apprezzato: ero scettica (ci sono libri migliori sul tema, tipo il Savoy, e la persona che lo ha ricevuto non ha particolare dimestichezza con i cocktails), ma le ricette sono tutto sommato semplici e mi garantiranno di passare un Natale con Gin tonic fisso alla mano.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *