Trend: old Levi’s rivisitati

Avrete sicuramente notato il dilagare di un trend: i jeans vintage rivisitati. Non sto parlando dei mom jeans che sono tornati qualche tempo fa (la forma di pantalone più agghiacciante della storia, non stanno bene neanche alle modelle), nè di quelli finto-vintage, parlo dei Levi’s 105 originali modificati, il vecchio fit reso moderno.

Se come me amate questi jeans e il loro blu classico sapete cosa significhi la tortura di cercare in ogni singolo vintage (ah, quante ore passate da Humana a Milano!) quello della giusta taglia, impresa quasi impossibile dato che i vecchi Levi’s hanno tutti tagli diversi e completamente assurdi, a seconda del decennio nel quale sono stati prodotti: quelli degli anni ’70 sono strettissimi di vita e fanno il sedere a pera, quelli degli anni ’80 sono troppo larghi di gamba, quelli degli anni ’90 sono introvabili in taglie piccole.

Devono avere pensato la stessa cosa vari marchi che si sono decisi a mettere sul mercato jeans usati rimodernandoli nei tagli: il risultato è una buona vestibilità, tela resistente ma resa morbida dall’uso e il colore del classico 501 rimasto intatto. Se poi tutto ciò può essere realizzato su misura, abbiamo in mano il jeans perfetto.

3U5A3561-682x1024

Il mio marchio preferito è Re/done: si sceglie la propria taglia sul sito e poi un modello tra vari: jeans larghi, stretti, a vita alta, in tela nera,shorts, strappati o non. Ogni pezzo è unico e originale, ricucito e rimesso a nuovo dai sarti.

erin_wasson_second_campaign

La sede del marchio è a Los Angeles in un immenso capannone stipato dal soffitto al pavimento di vecchi jeans, un sogno per ogni maniaca del denim vintage. La blogger che indossa di più questi jeans è Chiara Ferragni (che ovviamente viene invitata direttamente alla casa madre a provare e scegliere quelli che le piacciono di più) e più li guardo più penso siano perfetti. Le testimonial delle campagne sono (ovviamente) tutte it girl giustissime

mickkeus

Mickkeus

Il signor Mick Keus fa esattamente la stessa cosa di Re/Done ma nel centro di Amsterdam. Si può prendere un appuntamento, scegliere il paio di jeans che più piace dai loro archivi e quel paio viene aperto e completamente ricucito sulla base delle misure di ciascuno. Ovviamente l’ho scoperto appena tornata da Amsterdam, mi sto ancora mangiando le mani.

reform

The Reformation

Stessa cosa, sempre online. Modelli dal mom al boyfriend, dallo slim al flare. Il sito suggerisce di prendere varie paia dello stesso jeans e poi restituirli, ognuno è diverso dall’altro quindi i fit cambiano (grande problema dell’acquisto online di questo prodotto)

urban renewal urban outfitters

urban renewal urban outfitters

Se  invece non volete pagare la dogana per i pacchi in arrivo dall’America (ho comprato da The Reformation, sono velocissimi e super efficienti ma un qualcosa alla dogana si paga), potete comprare sul sito di Urban Outfitters

LEVI'S 501 CT

Oppure andare direttamente alla fonte: da Levi’s! Il marchio ha finalmente capito che forse era il caso di riproporre il loro modello iconico e ha lanciato i  Levi’s 501 CT (che ho comprato subito). A vita alta e a gamba non strettissima come tutti i 501, non hanno la tela rigida del vecchio Levi’s e sicuramente sono più moderni. Li ho fatti leggermente riprendere di gamba e credo sia l’unico modello di jeans che non mi fa il sedere piatto (alleluja alleluja). Ci sono con e senza strappi (a Milano li trovate da Annex la Rinascente).

Aggiunta: ho trovato un’altro sito, Denim Refinery

Ho solo una domanda che vorrei qualcuno mi chiarisse: anche a voi da fastidio la cucitura nel cavallo di questo tipo di jeans? La trovo molto alta e mi da un certo disagio. Che posso fare? L’ho fatta un po’ tagliare dalla sarta ma non credo basti.

p.s per vedere altri post sulla mia ossessione per i jeans, qui e qui. E ovviamente la mia infinita cartella Pinterest sul tema

p.p.s non ne potevo più di avere pantaloni che mi stanno male/mi danno fastidio/ si sono smollati, quindi ho messo da parte (o meglio, in vendita) molti dei miei pantaloni e dopo lunghe, lunghissime ricerche ho comprato in un colpo solo qualche paio di jeans: un paio bianchi da Stefanel, morbidi e comodi, un paio di J Brand neri (che ho trovato in un outlet, della mia taglia e neri, miracolo), un paio di Maison Scotch neri molto molto comodi (da Annex la Rinascente) e dei Paige Denim, di cui ho sentito parlare molto bene, e che in effetti hanno un ottimo taglio. Per ora sono soddisfatta,giuro che non comprerò MAI PIU’ un paio di jeans da Zara o simili.

p.p.ps rimango comunque del mio parere: i jeans sono scomodi, scomodi, scomodi, e quelli comodi sono troppo sottili e molli e non sostengono né contengono. Per quanto riguarda i pantaloni neri invece, (altra mia ossessione ) ne ho addocchiati un paio leggermente flared e corti, da Sandro.

Share...
Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on TumblrPin on PinterestShare on Google+
20/05/2015

Tags: ,

19 pensieri su “Trend: old Levi’s rivisitati

  1. Ciao! Ho acquistato dei levi’s CT stile boyfriend, ho preso una 26, generalmente ho una 27 ma ho paura che cedano ancora.. secondo te dovrei cambiarli per una 25? La 26 mi calza bene, e mi entra quasi una mano dopo 10 minuti..
    Un bacione!

  2. Ciao Giulia, mi sono innamorata dei jeans di Urban Outfitters che hai linkato sul post. Peccato però che non riesca a capire quale taglia scegliere tra S e M (sono una taglia 42). Tu puoi consigliarmi? Ho cercato sul sito ma non trovo info.

  3. Post utilissimo. Dopo anni di jeans low cost (H&M e OtherStories), arrivata a 30 anni mi sono detta: eh no, adesso basta! Ho trovato la mia mecca chez Isabel Marant. Vestibilità perfetta. Mi unisco al tuo coro: alleluja alleluja!

  4. Anche a me mancano i general mix! Per quanto riguarda i jeans preferisco i levi’s (pescati al mercato a 10 euro) e successivamente modificati dalla sarta… il culo a pera c’è in ogni modello a vita alta tranne per quelli in tessuto leggero (tipo stradivarius) che lo tirano su senza ammazzarlo 😀

    http://anachronisticside.blogspot.it/

  5. interessante, però non mi piacciono questi modelli, penso che stiano bene all’1% della popolazione femminile

  6. ci credi che dopo mille ricerche per caso ho provato (attirata dal lavaggio che era di un bell’azzurro denim senza strappi) un jeans di Zara (vestibilità tipo la 4° foto che hai messo) e sono perfetti?
    comodi, bella tela, perfetti sulla gamba (non aderenti ma neanche larghi) e fanno un bel culo (che non guasta). Sono sorpresa pure io perchè non ho mai comprato pantaloni da Zara visto la vestibilità pessima e al qualità meh.
    Io con il mio tipo di fisico (gambe secche ma con fianchi ‘pronunciati’) mi trovo da sempre molto bene con Dondup. Scartando i modelli tamarri, ma ho dei pezzi blu scuro e grigi perfetti: skinny ma non troppo, e sempre perfetti sul lato B. In particolare ho un paio blu di cotone (non jeans) che sono il mio passepartout per ogni occasione.
    indosso ora ho dei Madewell presi a NEW york 6/7 anni fa che mi mangio le mani per aver preso solo un paio. sono un po’ pesanti, ma non si smollano, e ricordo che avevano ille combinazioni tra tipologia di vita/larghezza sulla gamba/lunghezza-

    e poi faccio outing: i pantaloni che mi stanno meglio in assoluto sono quelli a sigaretta di H&m da 19.99. Non so come, ma su di me calzano perfetti e mi risolvano l’eterno dilemma di come cavolo vestirmi al lavoro.

    1. ahh finalmente qualcuno che mi da consigli! Dunque, spara subito il link dei jeans di Zara!! e non si sono smollati? Si in effetti guardo sempre i Dondup sulle ragazze perché fanno un sedere stupendo, ma dove li vendono a Milano, per caso lo sai=
      Madewell concordo, bellissimo marchio per i pantaloni, neanche io ho comprato e mi sono pentita
      non ti si smollano quelli di h&M???

      1. scusa ho visto la tua risposta solo ora.
        ad occhio direi che sono questi:
        http://www.zara.com/it/it/donna/jeans/visualizza-tutto/pantaloni-denim-cigarette-c719019p2489029.html
        e onestamente vedendoli in foto ci ho messo un po’ a capire se fossero loro o no. penso dipenda molto dal proprio corpo. Su di me hanno la lunghezza perfetta e non mi fanno l’effetto ‘pacco’ sul davanti (non prendo mai pantaloni di zara per quello).
        Dondup non saprei, io li trovo su Reggio/Modena (solitamente in saldo) e per il culo son i migliori 🙂
        H&m garantisco che non si smollano. è un modello continuativo, ogni anno in fantasie diverse.. dal sito penso sia questo : http://www2.hm.com/it_it/productpage.0137860071.html
        l’unico difetto è la vita un po’ alta(sull’ombelico ) che però a me non dispiace, dal momento che ne ho fatto la mia divisa da lavoro con camice alla coreana di lino/bluse di seta MAX MARA vintage di mia nonna

    1. che non riesco a farli smollare, sono troppo duri e stretti, mi fanno male 🙁 il commesso mi ha detto che la taglia in meno andava bene ma poi mi sono informata bene online e ho scoperto che il fatto di prendere la taglia in meno a volte è una cavolata… accidenti!!! dovrei tenere duro ma mi fanno davvero male sui fianchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *