Ci si può vestire bene anche in casa

Da sempre, torno a casa dopo una giornata fuori e mi cambio. Non posso sopportare di tenere i vestiti che ho indossato per tante ore per più di un minuto dopo l’entrata in casa: i jeans vengono lanciati con disprezzo nell’armadio, se mettessi il reggiseno me lo strapperei di dosso, le scomode camicie vengono immediatamente destinate al cesto dei panni sporchi.
Ammiro molto chi riesce ad indossare vestiti “normali” a casa ma non è il mio caso, e se penso che con quei vestiti mi sono seduta in metropolitana/a lavoro/ in mille posti mi viene il ribrezzo.

Vivo da sola, quindi non devo farmi vedere da nessuno, ma ho alcune regole sulle quali non transigo:

-Niente mollettone o capelli in disordine
-Niente vestiti vecchi

-Niente vestiti che non metterei per uscire

1116108_4_1_1 1116110_4_1_1

Per esempio: tutta la sezione Cozy Edit di Oysho per me è un grande, enorme NO.

Altri consigli che potrebbero esservi utili se state cercando di “elevare” i vostri abiti da casa

1 Non tenete un cassetto delle “cose da casa”. O meglio, tenete quello che indossate in casa da qualche parte ma fate in modo che questo spazio non si espanda, perché succederà che tutti i maglioni vecchi, tutte le calze rovinate, tutti i leggings sformati finiranno lì dentro e poi li indosserete
2 Buttate immediatamente tutto quello che è scolorito/sformato/rovinato/impallinato/scucito/bucato/macchiato in modo permanente. Se non avete cuore di buttare, sappiate che i tessuti si riciclano, potete portarli negli appositi cassonetti in tutti i negozi H&M o Intimissimi o Otherstories

Ed ecco una lista di capi che potrebbero farvi comodo:

INVERNO

L’inverno è la stagione più bastarda, quella in cui si ha solo voglia di mettere una di quelle (malefiche) coperte con le maniche, i calzettoni con i gommini e le corna da renne.

1116218_4_1_1

Sempre Oysho malefico che vi tenta con una coperta mostro. Io vi chiedo, perché dovreste andare in giro con una coperta addosso? Non bastano i vestiti?

medium_ed_ch_v3_khaitejeans_sweatshirt

Quello che vorrei indossare in casa: morbido cashmere e culottes.

PARTE DI SOTTO:

– LEGGINGS. Ovviamente niente in tessuto sintetico, che fa sudare e non fa bene alla pelle.
– PANTALONI DELLA TUTA “CARINI”. Il mio ideale è il cashmere. Li trovate da Stefanel, Benetton e altri marchi, sono caldissimi e li potete tranquillamente usare anche fuori casa

s5721a02j-b118

PARTE DI SOPRA:

Odio avere il sedere all’aria, quindi se metto leggins attillati sopra indosso

-UNA FELPA o UN MAGLIONE LUNGO

872965-khaki-80216a5b

La felpa è questa e mi fa sentire parte dello squad di Kanye West. Non è elegante ma ci potrei tranquillamente uscire (la uso quando prendo l’aereo). Per il maglione, ho una predilezione per quelli incrociati con la cintura, un po’ da nonna ma chissene

 

goods_55_161235

questo era di Lemaire per Uniqlo, purtroppo andato subito sold out

medium_look-20-beige-wrap-sweater_0195

1,250 dollari per un maglione mi sembrano troppi, cara Vanessa Traina

CIABBATTE/PANTOFOLE

Ah, queste parole malefiche. Per me le ciabatte classiche sono bandite, ho capito che non ne esistono di carine e se esistono sembrano troppo “da casa”

5087161121_1_1_2

forse per bambini possono andare. INVECE sono da adulti

Le uniche opzioni che accetto sono:

-MEZZE PUNTE da danza

big_7fe71c15e23e4de3a5972f7e2f8bb425

Le trovate alla Decathlon per 10 euro (attenzione perché vestono due numeri più piccole), sono comode da infilare, esistono in finta pelle o in tela, rosa e nere. Se cercate nei negozi di danza ci sono anche in rosso (le avevo qualche anno fa, adorabili). Durano tantissimo!

-FRIULANE

dsc_0025

Come mi insegna Lorenzo, le friulane sono chic e comode, oltre che bellissime. Costano poco, potete scegliere tra vari colori e materiali (velluto, satin, broccato…), molti le usano anche per andare in giro (avranno vita breve, la suola è in tessuto).

-SCARPINE CON PIUME

amour-03bpsat_1_7

scherzo, questa è una fissazione mia, le adoro. Ne ho un paio azzurre vintage e quando ero ancora in una casa completamente insonorizzata le mettevo nonostante il tacchetto, appena le infilavo mi sentivo felice 🙂 Adesso ho paura di disturbare i vicini quindi sono in uno scaffale (sono troppo belle per essere confinate in un armadio).

 

LA VESTAGLIA

1116106_4_1_1

Esempio di vestaglia per bambini che inspiegabilmente è in taglia da adulti

Indispensabile per me è la vestaglia: la mia è di lana e cashmere beige, così bella che sembra un cappotto. Ne trovate di simili in quei negozi da vecchietto che vendono pigiami e mutandoni, presente? Costano caro ma sono belle e calde.

Per dormire:

-PIGIAMA IN COTONE MASCHILE

monki-pigiama-natalizio-627x800

E’ in effetti un po’ difficile da trovare perché nei negozi si trovano quasi solo pigiami in viscosa e raso. Il mio l’ho preso da Primark, lo fanno tutti gli anni (quest’anno l’ho trovato di Monki come vi dicevo nel post dell’altro giorno). A Milano ci sono vari negozi che lo vendono, sempre sul genere vecchietto.

-PIGIAMA IN SETA

pigiama-nero-hm

Io l’ho trovato su Amazon, costoso ma ne vale la pena (avevo trovato uno sconto come spesso accade su Amazon). Ce n’è uno su Asos (molto carino!) al momento. La seta mantiene la temperatura corporea quindi va bene in tutte le stagioni, scivolare nel letto con il pigiama di seta è una sensazione deliziosa e soprattutto sarete super chic. Se volete farvi un favore, regalatene uno al vostro fidanzato (se è un tipo da pigiama). Abbracciarsi vestiti interamente di seta è il paradiso (haha).

ESTATE

Le stesse regole dell’inverno valgono in estate. Perché mettere la maglietta rovinata del fidanzato e orrendi calzoncini sformati? Fa caldo, potete essere carine senza soffrire.
In estate indosso solo canottiere intime in seta e mutande, con sopra una vestaglia leggera, rigorosamente in seta o lino. Le trovate su Amazon, nelle mercerie, su Depop, a volte anche da Zara home. Attenzione a quelle di raso (che sembra seta ma non lo è) che poi sudate.

0790649526_1_1_2

Per dormire, metto boxer in cotone da donna, comodissimi (li compro da Muji).

 

straw-slippers

Ai piedi, ciabattine in paglia che trovate per pochi euro in tanti negozietti o su Amazon. Non troppo eleganti ma comode e freschissime.

 

p.s nei commenti mi consigliano la sezione Leisurewear di COS e concordo, stupenda!

12/12/2016

Tags:

44 pensieri su “Ci si può vestire bene anche in casa

  1. Ciao Giulia, post interessante su u argomento a cui stavo pensando in questi giorni. Devi decisamente buttare un sacco di roba “da casa” e sono stanca di pigiami informi. Io di solito utilizzo molti pantaloni dei pigiami da uomo di CK e sopra una t-shirt da uomo bianca. Ma sono tentatissima dai pigiami in seta. Ho una curiosità, quella felpa che hai postato di che marca è? Dove si può trovare? (E’ sufficientemente lunga da poter coprire il sedere quando hai i leggings in casa e, dio sa, quanto mi ci voglia!)
    Ciao,

    P.

    1. e’ di asos e si, l ho presa proprio perché è lunga a suffiicienza ma ha due spacchi laterali quindi non è informe e larga
      Pigiama in seta pazzesco, io non posso piu tornare indeitro

  2. Giulia, io sono perfettamente d’accordo col non mettere pigiamoni imbarazzanti dopo l’adolescenza e anche se non rispetto tutte queste tue “regole”, fa bene sentirselo dire almeno come spunto per migliorarsi, sempre comunque rispettando i propri gusti e le proprie esigenze. Ma (ovviamente c’era un “ma”) credo che per alcune persone, tra cui me, spendere 100€ per dei pantaloni per stare in casa sia oggettivamente tanto e di certo è difficile trovare cashmere a 10€. D’accordo che in casa si passa tanto tempo ed è considerabile come un investimento, ma per chi può comprare uno/due paia di pantaloni a stagione con lo stesso budget sarebbe una spesa esagerata, meglio spendere quei soldi in qualcosa di carino che vedano anche altre persone (dobbiamo vestirci bene per noi stesse, ma mica si può andare in ufficio/cena vestite di stracci per stare perfette in casa). Non so se è chiaro il mio punto di vista, non voglio buttarla sul vittimismo o fare la piccola fiammiferaia, ma credo che un motivo di incomprensione del tuo post sia in questo. Spero che questo mio parere non richiesto non venga preso come una critica sterile, perché non lo è.
    Infine, vero che quando dici “non capisco come facciano certe ragazze a farsi vedere dai propri fidanzati con il mollettone, gli occhiali da vista” etc. intendi l’insieme di tutto ciò? Perché giudicare sciatto chi porta gli occhiali da vista in casa sarebbe veramente una follia, scusami, e credo che qualcuno non abbia capito nemmeno questo e lo usi come spunto per fare polemica.

    1. capisco perfettamemente, anche se non bisogna spendere per forza 100 euro per capi di cashmere! Io lo dicevo così, ma ci sono pantaloni caldi carini a poco prezzo.
      Si certo intendo l’insieme, lungi da me dirvi di tenere le lenti per 12 ore di fila! Io non porto occhiali quindi ho sottovalutato certi dettagli, tipo che le lenti facciano male agli occhi.

  3. Ciao Giulia,
    Di base questo post lo trovo molto utile, da anni cerco un abbigliamento da casa che vada bene anche per, che so, uscite improvvise senza vergogna, quindi lo considero uno stimolo in più a curarmi anche in casa.
    Tuttavia credo che le polemiche si riferiscano al MODO in cui è stato presentato l’argomento, almeno da ciò che ho visto.
    So che la Mele ti ha “censurato il post” ma immagino come fosse prima ahah
    Personalmente mi ha fatto storcere il naso il presentare questi consigli quasi unicamente come un essere belle per il fidanzato o un essere scopabili, questo cozza molto col femminismo. Se ti concentravi sul prendersi cura di sé per se stesse il messaggio arrivava anche meglio, a volta sembra ti contraddica nel post.
    My two cents non richiesti.

    1. l ho specificato nel post, io lo faccio per me stessa e penso che sia quello il motivo vero per cui mettersi carine, non il fidanzato.
      Mi sembra che tutti si siano erroneamene concentrati sull’altro messaggio.

  4. Che cosa ridicola! Innanzitutto, il senso delle mezze punte qual è? Sono fredde e ti fanno camminare male. Non sono scarpe fatte per passarci le giornate intere. Secondo, il mollettone serve a non segnare o schiacciare i capelli, cosa che fa l’elastico. E per quanto lo trovi anch’io orrendo, se mi aiuta a mantenere i capelli puliti qualche giorno in più ben venga! Io passo tutto il giorno a casa a studiare e onestamente sto comoda con pantalone della tuta, maglione vecchio e vestaglia. Amen. Comprare il cashemire per stare in casa… boh lo trovo assurdo.

  5. Ciao Giulia, grazie per l’utilissimo post. Io uso le mie mezze punte da danza di pelle, comodissime, prese da Dimensione Danza e un maglione di cachemire che avevo comprato al mercato di Forte dei Marmi, ma essendo lilla non l’ho mai messo…Volevo chiederti di che marca fosse la felpa lunga che usi per viaggiare, ne cerco una esattamente così!

  6. Grazie per il post e per le idee carine e originali che hai scritto! Sono d’accordo con tutto e sinceramente non capisco molto le polemiche.. Così come ci depiliamo le gambe e togliamo i baffi anche quando non siamo in coppia (si spera), allo stesso modo non vedo perchè uno non debba essere curata e gradevole anche in casa. Il femminismo secondo me non c’entra nulla e la polemica è davvero sterile.. anche perchè, ribadisco, se queste sono le basi allora via tutte con l’ascella pelosa free.

    Io ci tengo molto all’abbigliamento da casa, che deve essere comodo e pratico, caldo d’inverno e fresco d’estate. Non vedo perchè i vestiti che uso solo per me (e/o per mio marito o amici molto stretti) debbano essere orrendi mentre spendo e spando per i vestiti che metto fuori.

    Quindi insomma, grazie
    (e tranquille che se volete girare in pigiama nessuno ve lo tocca eh.. mica noi giriamo in tacco 15 in salotto)!

  7. Ahahaha! Muoio!!! Ma quelli sopra di Oysho con le renne non sono scaldapiedi? Io li chiamo così e li ho rosa con le stelline penzolanti carinissimi. Più strettamente, gli scaldapiedi, dal nome, sono quelli usati dalle ballerine nelle pause per non far “raffreddare” i piedi a livello muscolare. In casa uso anche quelli, sono gonfi tipo moon boot e un po’ridicoli: i miei sono di Deha, ma li trovi anche no brand nei negozi di abbigliamento danza. Baci La Zietta Ballerina.

  8. Ciao Giulia, post molto interessante, come sempre!
    Sono curiosa di sapere che ne pensi delle Birkenstock come scarpe da casa.
    Grazie :-*

  9. Concordo con chi già ha detto che questi consigli valgono per chi vive in città…adoro tutto quello che hai elencato, ma purtroppo non potrei mai sistemare gli animali o raccogliere le foglie con queste belle cose i vestiti da casa un po’ rotti sono l’ideale comunque mi è piaciuto un sacco questo post, perché una vestaglia come si deve ho proprio intenzione di prenderla!

  10. Io adoro le friulane ( che dalle mie parti chiamiamo furlane o furlanine) !Ne ho persino un paio in raso nero per quando ci sono ospiti hahah

  11. Ciao! Anche io sono d’accordo su quasi tutto. Anche se in realtà ciò che scrivi vale per la gente che abita in città. Io abito in campagna e spesso vado in giardino o in giro per campi a correre e fare passeggiate, perciò non mi sognerei mai di andare in giro con maglioncini e pantaloni di cachemire. Lo stesso per le pantofole, ho normali ciabatte altrimenti uscendo in cortile si spacca tutto.
    Per quanto riguarda gli occhiali da vista, trovo che non sia così scandaloso, anzi, stare troppo con le lenti a contatto, soprattutto in casa con il riscaldamento a palla, è controproducente per gli occhietti.
    Una cosa che io non sopporto è stare in casa in pigiama, fosse anche di seta! In pantaloni della tuta, magari in tinta unita e non in acetato con colori fluo, è la liberazione. W i leggings, comunque!
    Ad ogni modo, se so che deve venire a trovarmi anche un’amica d’annata mi vesto e mi trucco il minimo sindacale.
    Per quanto riguarda gli uomini che ci vedono in questo stato, boh, secondo me ci facciamo troppe paranoie a riguardo. Ok tenersi, ma credo che valga per tutto il resto. E comunque secondo me su come ci si deve vestire a casa propria non ci sono regole. Un po’ come se qualcuno desse regole su come pulire la casa. Ciascuno fa come meglio crede e meglio riesce.

  12. Bellissimo post.
    l’unico appunto è che anche le ballerine sono piuttosto menrepeller. Io in casa sto scalza, sempre, ma se mio marito mi vedesse con le scarpette mezza punta, sarebbe come farmi vedere con dei maialini pelosi con le corna e le ali da farfalla ai piedi, divorzio immediato ahaha…

  13. Io per stare in casa mantengo un abbigliamento sobrio, maglie di cotone semplici, pantaloni a righe o quadretti in colori neutri, maglioni di cotone (non posso indossare lana) neri o grigi e in estate vecchie vestaglie/kimono di mia mamma. Purtroppo però perdo totalmente la dignità quando si tratta di pantofole, non riesco a rinunciare alle pantofole ridicole con gli unicorni 🙁

  14. Concordo su tutto, ma ogni volta che penso di spendere per qualcosa che indosserei solo in casa sento il portafoglio supplicarmi di spendere gli stessi soldi per qualcosa con cui palesarmi nel mondo esterno. Comunque unico nei per me le pantofole o ciabattine che proprio non riesco a portare, solo calze o calzettoni e per quanto ci si possa impegnare quelli sono, ma accetto suggerimenti.

    1. ti capisco, io uguale, ma se ci pensi sono capi che indossi per mesi e mesi tutti i giorni, se non anni, si può spendere qualcosina no?
      Beh ci sono tante calze carine in giro, possono avere i gommini e non essere necessariamente orrende

  15. Questo post probabilmente è più utile di quelli per lo stile perchè davvero a casa spesso diamo/danno il peggio… A me vengono i brividi pensando a quelle che stanno in casa in pigiama. Mi fa subito “malattia”. E anche tutta questa roba da casa “da ragazzina cute” da dove salta fuori questa idea malsana? Temo che i maschi siano messi molto meglio in media a casa.

  16. Super post, roba da stampare e appendere in ogni casa 🙂
    Adoro le friulane, ora che ho un fratello che vive a Venezia credo me ne comprerò un paio per stare in casa: odio ciabatte e pantofole e se a casa dei miei ho un bel parquet riscaldato devo superare il trauma della gelida piastrella di casa mia!!
    Consiglio anche la sezione leisure di Cos, l’ho vista dal vivo e ha delle cose deliziose e bei pigiami a uomo 100% cotone http://www.cosstores.com/nl/Women/Leisurewear

      1. Ho comprato un classico pigiama maschile azzurrino di COS un paio di anni fa e purtroppo non è stato un grande acquisto…i pantaloni in particolare mi sono durati solo una stagione perché la stoffa è molto fine e si è bucata intorno all’elastico. Peccato perché le cose del leisure wear di COS sono davvero molto carine e minimal 🙁

  17. Ciaooo. Ti appoggio in quasi tutto. Mi piace la serie Oysho di quest’anno con il fantasmino ma da portare spezzata (o il sopra o il sotto) e siccome sono una freddolosissima anche gli scaldapiedi, non quelli con le orecchie da renna, ma gli altri di lana grossa sopra i leggings sono carinissimi. Per il resto maglioni di cashmire da uomo (anche XL!!!) sopra leggings o parigine con gli Uggs. Baci La Zietta.

  18. GRAZIE per aver scritto questo post! Lo inoltrerò a tutte le mie amiche che devono essere ancora evangelizzate sull’argomento: Anch’io sono una grande supporter del vestirsi in maniera elegante in casa e indosso i miei amatissimi kimono in seta – con leggings d’inverno, senza d’estate. Come calzature prediligo delle ballerine da casa in velluto che avevo trovato in un negozio come dici tu “da vecchietti” 🙂 e che quando ha chiuso (purtroppo) ne ho comprate altre 5 paia per paura di non trovarle altrove! D’estate, scalza. Le mie amiche mi prendono in giro affettuosamente per i miei outfitncasalinghi da dandy, ma davvero io non ce la farei a stare con i vestiti indossati tutto il giorno in giro per la città (orrore!) in casa. E, ovviamente, al bando i mollettoni e soprattutto quegli orrendi onesies da unicorno che si vedono ormai dappertutto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *