200_s

journal1

tumblr_mhbjwdpyy81qzlm43o2_r1_500

tumblr_mkauzcO7LN1qb6h67o1_500

tumblr_mxezgwiFIz1skk05io1_500

tumblr_mz9ytaa4GX1qdq8eco1_500

tumblr_nc2pxcVXbG1qdtt0bo1_500

tumblr_njcs6knnfE1qikmd9o1_500

tumblr_nldw5xQj4c1rjq3xeo1_400

tumblr_nxrlqnpRHa1uorhfto1_500

4 Commenti

MOSTRA I COMMENTI
  1. valentina

    14/02/2016 alle 1:21 PM

    Ciao Giulia. Non c’entra nulla con questo post ma sto guardando The true cost e volevo scrivermi. Ho sempre rimandato perchè tutti già sappiamo come funziona ma ci giriamo dall’altra parte. Voglio smettere di comprare dalle catene che fanno profitti in questo modo ma allo stesso modo non so dove comprare non avendo un budget molto alto. Consigli? Tu cosa hai deciso di fare?
    C’è da dire che non vivo in una città come Milano che pullula di seconda mano, mercatini e quant’altro. Le marche riportate sul sito true cost non sono tanto reperibili. Di chi posso “fidarmi”? Anche and other stories è fuori questione? (Lo adoro.)

    Rispondi
    • rockandfiocc

      14/02/2016 alle 4:43 PM

      Ciao Valentina, ti capisco, specialmente vivendo delle grandi città non è facile comprare.
      Si, purtroppo TUTTI i fast fashion sono fuori questione, da Mango a H&M, a Topshop, a OtherStories (del gruppo H&M e come loro buttano fuori un sacco di collezioni all anno). Io ultimamente ho comprato molto su Depop e nei vintage (a Milano ce ne sono un paio ma sicuramente almeno uno nella tua città ci sarà! Quando abitavo a Parma e non c’erano le catene compravo TUTTO lì!), cose usate e poi cose in saldo, da Castaner a Petit Bateau, a Sandro, online e in store. Mi sforzo di non entrare nemmeno nelle catene, così da non cadere in tentazione (anche io adoro OtherStories)

      Rispondi
  2. Lucia

    14/02/2016 alle 11:52 AM

    Giulia non piangere! lacrimuccia anch’io… un abbraccione e tanti

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *